Lesbacce Incolte
casella Postale 4059
c/o Ufficio PT Borgo Panigale
40100 Bologna
e-mail:Lesbacce Incolte



Le Lesbacce Incolte sono un gruppo di autoproduzione editoriale dal 1995. Cerchiamo di attuare diverse forme di collaborazione fra lesbiche interessate alla scrittura, lettura, circolazione delle produzioni lesbiche. Queste collaborazioni sono basate sulla convergenza degli interessi/capacitą di pił lesbiche su uno specifico libro o serie di libri, pił che volte a creare una struttura burocratica editoriale. Riteniamo che questo ci possa permettere di evitare il rapporto creatore-fruitore, editore-cliente che ci pare limitante per qualsiasi tipo di controcultura. Importante ci sembra inoltre, per evitare strozzature economiche e politiche, creare reti indipendenti di distribuzione. Una nostra scelta politica č anche cercare di mantenere bassi i prezzi dei libri, nonostante le nostre basse tirature.

Le nostre scelte editoriali sono state finora la traduzione di classici lesbici che in Italia non avevano avuto diffusione. Questo perchč vogliamo riappropriarci di fonti dirette senza una mediazione culturale precostituita. Stiamo lavorando ora alla realizzazione di due antologie - poesia e racconti (favole/fantasy/fantascienza) - di autrici inedite o quasi. Ovviamente aspettiamo collaborazioni.

Per questo e per richiedere i nostri libri scriveteci alla Casella Postale 4059 c/o Ufficio PT Borgo Panigale 40100 Bologna oppure contattateci presso l' e-mail lesbacceincolte@yahoo.com

Abbiamo pubblicato:


Le amanti, 1980
"il giorno la realtą comincia con l'intenzione di te a sč intatta mentre lavoro alla finestra e allo specchio la questione delle superfici dalla prospettiva... ogni visione č in sč matematica dello spazio immaginario: porta su di sč l'evidenza, la forma vitale esito dell'ardore al quale noi cediamo per passione, per necessitą o per eccesso..."
Nicole Brossard
Poesia del dicibile lesbico

Le guerrigliere, 1969
" Dicono che hanno imparato a contare sulle proprie forze. Dicono che sanno cosa insieme significano. ..Dicono che č un mondo nuovo che comincia.. Tu dici che non ci sono parole per descrivere questo tempo, dici che non esiste. Ma ricordati. Fai uno sforzo per ricordarti. O, dove manca, inventa... Dicono, io mi rifiuto ormai di parlare questo linguaggio, io mi rifiuto di borbottare dietro a loro le parole di mancanza mancanza di pene mancanza di soldi mancanza di segno mancanza di nome..."
Monique Wittig
Il racconto di molte storie dentro a una storia, di presa di coscienza, di guerra e di memoria.


2998 -1998 AGENDA LESBICA del '98.
Le lesbiche del 2998 decidono di festeggiare il millennio della rivoluzione lesbica facendo un'agenda dell'anno in cui questo evento ebbe luogo, il 1998: e ci vedono e ci raccontano da lģ! Potrebbe anche essere un libro di fantascienza, ma č sopratutto un'agenda e come tale č utilizzabile.

diurne notturne: poesie 1989-1999. Ana Cuenca, 1999

Le LI iniziano con diurne notturne una nuova collana dedicata alla scrittura lesbica di oggi e sopratutto alle inedite. Le LI vogliono partecipare in questo modo al lavoro di ricerca delle lesbiche che scrivono e vogliono mettersi in discussione con la pubblicazione.

diurne notturne č un libro sull'amore lesbico e la vita lesbica. Nel lungo tempo che questa raccolta attraversa, tanti modi vengono cercati: linguaggi con cui dire all'altra, presente e determinante. Linguaggi per dire all'altra il desiderio, la propria esistenza, il mondo che si guarda e si combatte, fuori dagli schemi dominanti che sono oppressione e non rappresentazione. Poesia lesbica che invade il territorio di una grammatica che ci rende mute; poesia plurale e singolare allo stesso tempo, che si apre un varco di parola semplice per sfuggire all'isolamento e allo svuotamento di senso in cui la relega la cultura eteropatriarcale.