Daria

pubblicato il 19/07/01
aggiornato il 7/08/01

 


non so come presentarti,
se me ne vado a chi ti lascerò...
vorrei ma so che non dimenticherò
che ancora...che ti amo ancora.

i don't know how to introduce you,
if i leave to who will i left you..
i want but i cant forget
that i still..
i still love you babe.



E' troppo tardi...ora sei tornata per dirmi le cose che già so,
è troppo chiaro...ti amo ancora, ma devo stare sola.
Non ho più i tuoi occhi per guardare con essi il mondo,
quanto fummo c'è dietro me,nemmeno il fuoco può brucciarmi.
Vorrei baciarti,ma non voglio morderti...ho cosi tanta paura di perderti....
E' troppo tardi...ora sei tornata, ma è troppo tardi.


DONNA AMORE

AMORE E'UNA DONNA,
UNA DONNA BELLISSIMA,
IO LO SO PERCHE'SONO IL SUO SPECCHIO
E LA SUA ANIMA.

Dietro i miei occhi...
Tutte quelle lacrime ridono,
forse sto impazzendo...
ascolto il silenzio e mi da fastidio la sua arroganza
amore...
cuore....
speranza...
ma il cuore è solo sangue
e sangue solo vita...
forse sto impazzendo...
forse non ha importanza,
amore...
cuore...
speranza.

Ho bisogno di silenzi, di lunghi silenzi odiosi
e di sguardi folli, noiosi, con le pupille dilatate
che al posto delle lacrime buttino fuori tutte le cose sbagliate,
ho bisogno di non vederti se quando passi non ti fermi
e di non sentirti se non dici ciò che voglio sentire
ho bisogno di silenzi, di lunghi silenzi odiosi.

Il nostro respiro si confonde con le nuvole
e il sole ride del entusiasmo,
un liquore strano bagna i nostri cuori
e il fuoco balla con le fiamme.
Ho voglia di starti vicino per sempre, ma ...
niente dura per sempre.
Comunque sono felice perché non sono triste.

Non capisco più i tuoi simboli,
se piangi stai bene,
se ridi stai male?
Non capisco come mai ti penso
Quando so che è da stupidi sognare di essere svegli.

Loro sono tutti agitati e tu sei cosi calma,
io voglio rilassarmi,
le loro bugie mi feriscono
anche se sembro intoccabile
e tu sei, tu sei cosi calma.
Standoti vicino mi accorgo che mi sto perdendo,
ma tu sei, tu sei cosi calma.

I miei occhi guardano, ma non sono troppo curiosi,
immagini ingannano...
il tuo silenzio mi stordisce,
chi non dovrebbe mi capisce.
I miei occhi rendono astrattismo banale
E si annoiano perché tutto è cosi reale.
I miei occhi non sano sognare.

I pezzi di un vetro rotto,
entra un vento gelido,
i pezzi sonnambuli dei miei pensieri
si ricordano di ieri.
Il sangue...

Come un pesce apro la bocca inutilmente...
le parole escono ma chi dovrebbe non le sente.
Se fossi un pesce non avrei almeno le ossa pesanti
E non sentirei le cazzate dei altri.

Confusi e stanchi vagabondano i miei pensieri,
non si ricordano di ieri, non pensano a domani.
Confusi sono e stanchi, unpo' ubriachi e amari,
vogliono solo dimenticare, ma tu rimani.
Eppure non eri prevista, ne come macchina ne autista,
ma ti sento dentro, ti sento ancora mia
e non posso, non voglio e forse non devo mandarti via.
Ma sei strana, sei lontana, non sei mia
e sei già via.

Non capisco...avrei voluto che fossi con me ora,
ma sono sola...
spengo la sigaretta che sa di niente e cerco di spegnermi anch'io,
l'ultimo tuo abbraccio era solo un addio?!

Ho tolto la tua foto dal muro
E ora rimane solo la lettera...
Un disegno e poche parole,
potrei toglierla dal muro come ho fatto con la foto,
ma non ti toglierò dal cuore.
Sei ancora cosi importante... so che sei lontana,
ma perché ti sento ancora, perché ti sento allora ancora cosi vicina...

Tutte queste lunghe attese...
tutti i silenzi, sorrisi e lacrime soffocate,
tutti i posti distratti, illusi dalla chimica,
tutte le tue parole, silenzi, rumori, strade e parchi lontani,
tutti i poeti maledetti, strani...
tutte queste lunghe attese... invano.

E' tutto cosi sbagliato... ho quasi pianto...
Sento un agitazione che mi soffoca,
non riesco a parlare o ridere tranne quando chi mi
circonda non è chi una volta ritenevo amico.
Ora ho capito, devo lasciarla perdere, ma sopravvivere
comunque...già...comunque...


Forse ora io sono solo un ricordo, non riesco a dimenticarti,
forse ora tu non ci pensi più e ti sei scordata che credevo di amarti,
forse ora dovrei smetterla, smetterla di pensarti,
ma è proprio questo dolore a rendermi viva e vedi che ho ancora bisogno di
crederci che tutto quanto ha un senso
e se ho perso e se ti ho persa
e se non mi cerchi più e se non ho nemmeno bisogno di nascondermi e fuggire
un motivo c'è, ci deve essere,
voglio, devo crederci che la vita meriti ancora di essere vissuta, cambiata
e interpretata senza bisogno di cambiare in prosa i versi di una poesia.


Un'altra notte stanca dalla mia malinconia,
i pensieri mi allontanano verso i destini di un purgatorio imminente,
vorrei gridare, ma la gente non sente chi come loro non si da pateticamente
un senso ispirandosi al niente.
Ora so di essere spinta verso l'inconscio della meditazione,
è come quando risolvi un esercizio partendo dalla soluzione...
Un'altra notte che mi vede combattere con i destini che si ispirano a quelli
divini, falsi, bugiardi, creati dal panico e senso del vuoto;
il cielo è sopra,
noi stiamo sotto.


forse non sto solo perdendo il mio tempo aspettando che un giorno esso mi
perda.
Amandoti ho scoperto di essere debole, ma più che altro ho scoperto di
essere capace di creare una dimensione astratta del mio quasi crudo realismo
e allora con astrattismo ho scoperto la bidimensionalità del cuore.
La linea sottile del amore lo ha reso banale e nessuna critica ora vale più
di questo mio simbolismo virtuale.


Sono ancora debole come una donna sa essere,
so controllare il mio corpo, ma il cuore no.
Non so spiegarmi, ma vorrei essere capita.


Solo delle riflessioni

Sono viva, ecco perché rischio, non sono come te, ma non ti giudico,
chiudi la bocca per favore e metti su quel disco,
sttt, si non ti conviene consumare troppo in fretta quel poco di energia che
riesco
a cederti e non ti sforzare di dire la verità, stento a crederti;
piccola.... i miei anni saranno anche verdi ma ci perdi se metti in gioco l'
esperienza
di un essenza priva di vita, no, non ti ho tradita, ho solo detto quello che
penso,
quale senso...credevi di perderti in me o ancora peggio di ritrovarti...
ma che dici, non ti amo, non ti chiedo di amarmi.
Lo sai che sono una che scrive le favole, ma lo sai che quando guardo le
nuvole penso alla tempesta....?
Sono viva, ecco perché rischio...abbracciami, hei dj metti su quel disco,
stt...ti capisco, ma ora ascolta il silenzio....non aver paura, abbracciami
e ascolta,ascolta il silenzio.


Vattene...sarà meglio se il mio sogno da sveglio sa di te e tu non fai
altro che dormire accanto a me....
Vattene...sarà meglio se non capisci che non ho altro che me da perdere....
Dai vattene, questo corpo non si sa spegnere se le mie parole sono solo
parole per te mentre io vivo per aggiungere ancora solo punti e virgole.


Vedo cose incredibili fuori e dentro di me, cerco scappando qualcuno che mi
ha persa quando ho imparato a correre, non mi va di sentirmi diversa,
ma...non posso conformarmi, non ti ho chiesta, non ti chiederei mai di
amarmi....
Ma vorrei saper spiegarmi il motivo della danza dei ns. cuori in una stanza
quando ti sento cosi mia e quando non devo pensare a cosa fare domani se tu
deciderai di lasciarmi...credo di non avere troppi guasti, non combino
disastri più grandi della storia e la mia gloria personale è quella di saper
amare.


Cavalcherò questa corrente, questo fiume che deriva dalla tua mente
E sarò un attrice cosciente di girare la realtà.
Vita...vita sa di infinito, non mi va di tentare di misurarla, voglio solo
viverla.
Non devi essere spaventata dai tonfi delle mie cadute, non ho mai accettato
una mano per alzarmi, ma nemmeno ho permesso a qualcuno di buttarmi giù.
Sono cosi troppo presente che pure da assente rimango segnalata con una x
che rende l'equazione maggiore in ogni caso dal 0.
Se mai mi sentirai dire TI AMO allora ciò sarà vero.


Danziamo molto vicine,
ma non ci tocchiamo,
una specie di intimità sessuale
ci costringe a usare le mani...
la notte è calata su di noi,
ma la musica ci riempie di energia,
adoro sentirti su di me,
adoro sentirti mia...
Credo che bere dalla tua bocca ha un
significato purificante per la mia arte,
è così eccitante il tuo odore,
sai che hai la voce sensuale....
sei splendida, cosi aggressivamente tenera,
farò di tutto per raggiungerti in quella sfera magica
delle nostre menti che non sanno spegnersi
nemmeno quando il corpo sa' di anima,
perdonami se non ho parole x dirti quanto ci tengo alla
luce che vedo negli tuoi occhi,
siamo in pochi ad averla ancora,
stringimi, baciami, mordimi, abbracciami...
non voglio restare sola ora che so che tu con un sorriso
cacci via ogni malinconia non posso che cercare di fare del tutto
per farti diventare mia.... perché sei splendida, splendida
così come sei...