Poesie di Sole
un suo racconto ed una lettera


Il gioco

La tua mente contro la mia,
come un gioco ci rincorriamo.
In questa corsa senza una meta,
il nostro capo è come insabbiato.
Ma questa guerra chi l'ha iniziata,
volevo giocare, ma nulla è cambiato.


Parlare

parlare di che, non ho niente da dirti
se non di cose che già conosci,
di storie sapute, e già vissute.
Paure passate e ancora cocenti,
fantasmi vicini, ancora viventi.
No, non parlo, ho perso la voce,
se vuoi ascoltarmi accendi la luce,
è dentro di me, ancor fuori di te.


Se parlo di te

Se parlo di te, amore mio dolce
mi brillano gli occhi al solo pensarti,
vorrei che parlando, tu, potessi apparire
per dirti sei grande nei soli vestiti,
perché tu lo sai che senza la veste
sei poca cosa, sei quasi indigesta.


Mani

Ci fermano il tempo come vecchi orologi,
ci segnan la vita come vetri caduti,
ci cullano in fasce e ci lasciano segni,
ci cantano inni a noi sconosciuti,
ci danno l'amore che ancora cerchiamo,
ci servono gioie che sempre pensiamo,
ci chiamano, vieni, e noi non andiamo.


Accarezzo

Accarezzo da lontano i tuoi pensieri
diventano miei.
Mi fermo a guardarli,
li scruto, son miei.
Mi stai pensando, e i miei pensieri
li scruti, li guardi diventano tuoi
li vuoi accarezzare ma sono lontani.


Dentro

Ti ho chiuso dentro di me,
come un ricordo lontano.
Ti ho amato come un libro di fiabe
che da grande rileggi con gioia.
Dentro di me ti porto con rabbia,
come antichi rancori ancora viventi.
Dentro di me ti porto da sempre,
come il giorno che nasce si porta
il suo sole nascente.


Quando sogno

Quando sogno ti vorrei accanto a me,
per poterti raccontare io chi
sono insieme a te.
E se sogno sai cos'è?
che non sei vicino a me.


Tu sei

Forse l'acqua che mi manca
quando il sole mi prosciuga.
Tu sei, l'alba che mi abbraccia
la mattina sulla spiaggia.
Tu sei, il mare che mi porta
nelle onde insieme sé.
Tu sei, il tramonto della vita
che vorrei accanto a me.


La tua voce

La tua voce è dentro di me
come una musica lontana.
Le tue parole le vivo in me
come una canzone mai dimenticata.
Le tue bugie sono morte in me
come una musica mai incominciata.


Oltre

Ti guardo negli occhi
per amore dell'arte.
Ti leggo nel cuore
per capire che vuoi.
Ti parlo serena
per sentire il dolore.
Ti ascolto paziente
perché amo la gente.
Ti voglio perché
sono oltre di te


Dirti addio

Dirti addio con la voce, no,
ti direi bugie senza senso.
Dirti addio ti assicuro non conta,
ti direi parole, e non altro.
Dirti addio,nel mio cuore,
è quello che importa
l'ho già fatto, è quello che scotta.


Amarti.

Amarti e poi nasconderti
per non farti del male.
E' il mio sogno di sempre,
non pensare al domani.
Amarti, come giorni incantati
in boschi radiosi.
Amarti lo sò
così non saprò.


Illusioni

Come credere ancora a una vita diversa,
se la mano che tendi non viene compresa.
Come pensi di andare lontano,
se quando tu piangi non trovi una mano.
Illusioni tu hai se credi in qualcuno,
che domani ti chieda perche sei perduto.
Ma oggi chi sà ti ha forse toccato,
ma tu non illuderti niente è cambiato.


Parole

Non dirmi che ho ancora sbagliato,
una volta nella vita anche tu hai sballato.
Non creder che io non provi dolore,
per chi mi ama,e non sento passione.
Credimi anch'io un giorno ho amato,
ma il mio cuore da allora non ha più funzionato.
Non dirmi parole che non hanno senso
se poi tu lo sai che da sola ho perso.


Oltre i tuoi occhi.

Vorrei che oltre i tuoi occhi
ci fosse un bianco destriero,
che corresse in neri pensieri,
percorrendo un lungo sentiero.
Ma oltre i tuoi occhi io vedo
c'è una barca che affonda indignata,
in un mondo troppo scontato,
cercando quel sogno, ancora bendata.


Pensando a te

Mi vengono in mente molti pensieri,
una vita, vissuta a sfidarci,
usando la forza ma senza mostrarci.
Una sfida che credo abbiamo perduto,
perchè il nostro tempo l'abbiamo sprecato
per farci una guerra che niente ha cambiato


Na poesia

Pe stù core luntan na poesia vurria penzà
pecchè io, a te penzo,nun tò scurdà.
Stì braccia ca tutte e nott m' fann sunnà
m' venen szuonn m' fann vulà.
Vules cà na nott sultant vicin m' stis'
pecchè chist'ammor nu poc capiss'.


Gridare

Sento dentro la voglia di gridare
come un fuoco che non trova la porta per
scappare.
Sento dentro la voglia di fuggire
come in gabbia la mia anima ha voglia
ruggire.
Sento dentro, il cuore che si affanna
a cercare, oltre un muro, di finire una
capanna.


Cosa.

Cosa vedo se guardo lontano,
vedo il mare, oltre i monti che
mi porta per la mano.
Cosa sento se guardo lontano,
sento il mare, oltre il cuore che
mi prende piano piano.
Cosa penso se guardo lontano
penso al mare, oltre gli occhi che
cercano un vulcano.


PENSO

Una foto
un giornale
una vita ribelle
un cuore rotto
tante storie senza amore
tanti amori senza storia


Rose

Due rose e un bocciolo,
mi guardano in coro
per dirmi qualcosa,
forse una storia.
Mi dicono, ora,
prima che,
l'acqua finisca.


Desiderio

Nell'ombra di un amore,
nell'immagine del peccato,
nel piacere del tuo sudore,
nella quiete delle nostre anime,
nel desiderio di te
con l'illusione di esserci.


I miei passi

Sono lunghi i miei passi
vogliono andare lontano,
cercano un luogo incantato
un mare senza sassi


Amore di carta

Ti vedo in questo foglio
ti parlo in queste pagine
ti guardo in queste righe
ti cerco in questo foglio
ti amo in queste carte.


Mani

Ci fermano il tempo come vecchi orologi
ci segnan la vita come vetri caduti
ci cullano in fasce e ci lasciano segni
ci cantano inni a noi sconosciuti
ci danno l'amore che ancora cerchiamo
ci servono gioie che sempre pensiamo
ci chiamano, vieni, e noi non andiamo.


Per dimenticare

Cosa faccio per dimenticare,
nascondo il cuore per non amare.
Mi invento ragioni per non credere ancora,
portando il tuo nome nella memoria.
Ho scritto parole che il vento si porta,
gridando al mondo il dolore che porto.
Ti prendo per mano dentro i miei sogni,
per portarti lontano dentro i miei mondi.
Cosa farò per dimenticare il mio amore,
farò in modo che il tempo si porti il dolore.


Cercando te

Ti rincorro nei miei sogni
e ti cerco in ogni sguardo
cerco sempre quei tuoi occhi
che ho fermato con azzardo.
Ti rincorro ma non voglio
i tuoi occhi sono luce
ma io sono sullo scoglio
che la vita non produce.


I tuoi occhi

I tuoi occhi,
una sera d'estate
una sedia, un terrazzo
un attimo,
uno sguardo nuovo
un attimo,
la voglia di parlare
un attimo,
la voglia di scappare


Una canzone

Una canzone e una notte
pensando di aprire il mare
Si ti sento in lontananza
ma questa brezza mi apre
entra dentro di me
e le luci in lontananza
mi fanno pensare.
Una casa un camino
il mare, chi bussa
alla porta?
chi apre? nessuno
Mi fermo a guardare
e non vedo, si è notte
notte da tempo.
Sento ancora che bussa
chi apre? nessuno.
Guardo oltre la finestra
e vedo, vedo molto lontano
e sento, sento molto lontano
è una canzone dolce
che mi porta,
ma dove? non vedo
non sento,
non posso ascoltare
il mare è più forte
ora puoi solo gridare
per farti sentire
ma chi ti ascolta?
nessuno


Mi và

Mi va di pensarti
a chi faccio del male
Mi và di vederti
a chi faccio soffrire
Mi và di sognarti
a chi faccio morire
Mi và di amarti
e mi sento impazzire.


E poi ti vedo

Espressione del mio pensiero
sei proprio così
così come ti immagino
vedo i tuoi occhi
Ti cerco nelle parole
Guardare
guardare dove non devo
sentire dove non posso


Amami

amami come io amerò il tuo tempo
come io camminerò nei tuoi giorni
come me che conterò le tue ore
Amami come io amerò i tuoi pensieri
come io entrerò nei tuoi sogni
come me che canterò le tue gioie
Amami come io amo te.

Luna


Cercami

Cercami nei tuoi ricordi
io sono il tuo passato
Cercami nei tuoi giorni
io sono il tuo presente
Cercami nel tuo cuore
io sono il tuo futuro.


Scrivo per Te

Scrivo per te i le cose più belle
penso per te le favole più dolci
amo per te i pensieri più amari
canto per te canzoni d'amore.


Via

Sei andata via
a chi darò i miei sogni
Sei andata via
a chi racconterò di me
Sei andata via
con chi aprirò la mia anima
Sei andata via
a chi parlerò di me
Sei andata via
ma io scriverò di te


quanta suonn

Quant er piccerella quanta suonn int'a cervella
quanta vot m' fermav miez o vic a pazzià
e pnzav quant è bella chesta vita
quant'ammor c'è sta cà.
Quant suonn int a stà capa
ma stà vita che ma dat
chlli suonn pe piacer che fin ponn fà.


Via da me

Esci dal mio corpo
voglio tornare a giocare
Esci dal mio cuore
voglio tornare ad amare
Esci dalla mia mente
voglio tornare a pensare

Luna