Sospiro pubblicato il 19/07/01
rivisto il 26/09/01

In autunno

In autunno cammineremo
Su prati azzurri, sotto
Cieli di cotone. Saremo felici.
Sotto quel cielo ci sarà la mia mano
Che stringe la tua.
Chiuderemo gli occhi allora,
per non vedere più niente,
per non accorgerci che intorno a noi,
diaboliche ombre stanno ballando.
In inverno, ci avvolgeremo
Nel nostro amore per non avere freddo,
ti sentirai chiamare,
sentirai gridare il tuo nome,
ma io sfiorerò la tua guancia,
posero' lievemente le mani
sulle tue orecchie, affinché tu non possa sentire.
Guardandoci negli occhi scopriremo
Da dove nasce la neve,
tu con il viso rivolto al cielo,
io che sussurro ogni cosa che stai pensando.
In primavera ci riposeremo
Sedute accanto,
sotto una mite pioggia di luce,
guarderemo al di la della radura,
dove canta un ruscello,
ed il sole ti accarezzerà il volto,
e mi bacerà la fronte.
Ovunque regnerà il silenzio,
e di quella quiete noi faremo una canzone.
In estate un forte acquazzone
Ci rinfrescherà la pelle
E purificherà le nostre anime.
Io parlerò nella tua bocca,
poi bacerò dolcemente i tuoi occhi.
Correremo sotto la pioggia,
daremo un nome ad ogni goccia
che cade;
ascolteremo i sospiri notturni,
ascolteremo l'urlo dei mari,
ammireremo la luna in tutto
il suo candore,
la guarderemo fare l'amore
con il cielo scuro e vedremo
nascere un'altra figlia della notte,
una piccola stella… e poi…
verrà di nuovo…l'autunno…


Scorre la pioggia su di noi,
Che bella sei,
Sembri un cucciolo,
Infreddolito, stretto nelle sue spalle.
È bello il rumore
Dell'acqua sull'asfalto,
E' bello sentire
Il tuo corpo umido
Contro il mio.
E bere dalle tue labbra,
Vedere, i tuoi capelli gocciolare,
Arruffati selvaggiamente,
Stupendi nel loro disordine.
Che bella sei,
Troppo bella per essere tangibile,
Per essere mia,
Sento che sei parte di un sogno,
Ed ho paura di svegliarmi,
Vorrei morire dormendo.


Mi addormento fra il tuo profumo.
Anima e corpo,
le lenzuola, la federa, il tuo profumo.
Non ho lavato le mani,
come segugio affamata di carne,
le annuso ed ascolto i tuoi aromi.
Vorrei seguire la tua traccia
Per portarti qui con me,
per dirti che sei un fiore,
per raccontarti della terra e del mare,
per narrarti del sole e della luna.
Mi farei madre, per dedicarti fiabe,
seguire i tuoi occhi, che lentamente si chiudono.
E ti guarderei, pian piano
Scivolando tra le braccia di Morfeo,
per poi raggiungerti e vivere
anche i sogni insieme a te.
Buonanotte donna mia,
spengo la luce,
silenzio, buio,
il tuo profumo,
annuso con piacere le lenzuola,
le mani,
nella nostra silenziosa notte.


Una goccia d'acqua percorre il suo corpo,
inebriante con la sua freschezza richiama la mia attenzione sul suo ventre.

Pelle liscia e morbida come seta, un'abbronzatura dorata che crea delicate ombre sul suo corpo.

I suoi occhi, piloti dei miei pensieri, mi guardano con curiosità alla ricerca della conoscenza del mio essere, nascosto e privato.

Mani che danzano sulla musica delle sue parole, si muovono ed incontrano la sua bocca, strumento di provocanti sensazioni.

Nell'aria il suo profumo si fonde con l'incenso che brucia accanto alle candele, il suo viso nell'ombra di quella luce calda e soffusa, diventa un interessante soggetto ai miei occhi.

I suoi occhi si chiudono ogni tanto mentre la sua mano corre tra la mia, sensazioni forti, nuove per me. Cerco di rincorrere le sue dita con le mie, la guardo, la sfioro, mi sorride.

Non capisco cosa c'è tra di noi, ma va bene, tutto corre liscio e nella mia testa si insinua una strana melodia, non ho paura ma mi sento strana in sua presenza in certi momenti.. lei a differenza di tutto il resto della gente mi guarda vedendomi, osserva e in silenzio si avvicina.

Momenti particolari tra di noi, non stressanti ma rilassanti e desiderati. Mi chiedo dove mi porterà questa strana situazione, ma non mi va di rispondermi, sto bene così non mi aspetto nulla, mi piace solamente molto vivere questo momento senza domande ne forzature.